Perché e come integrare il video nella vostra strategia di comunicazione CSR?

11 Ottobre 2021

Oggi ci si aspetta che le aziende siano socialmente responsabili. Sia all’interno che all’esterno, devono comunicare le loro azioni concrete. Senza BS ma con un tono coinvolgente e mitivazionale. La chiave per una comunicazione CSR di successo? Video!

Il contesto in cui le aziende parlano sta cambiando. Negli ultimi anni, abbiamo assistito a un indebolimento dei corpi intermedi che riguardano i partiti politici, i sindacati e i media, mentre la società civile sta esprimendo una maggiore domanda di significato con l’emergere di un consumatore e di un cittadino dipendente.

Dare un significato

Dopo l’adozione della legge PACTE, qualsiasi impresa può ora affermare di far parte dell’interesse generale. I legislatori hanno introdotto la nozione di “raison d’être” e lo status di “azienda con una missione”. Al di là delle grandi parole, ci si aspetta che le aziende intraprendano azioni concrete. Un recente studio di Accenture rivela che il 62% dei clienti si aspetta che le aziende si impegnino su temi scottanti come lo sviluppo sostenibile, la trasparenza o la non discriminazione nelle assunzioni. Come potete vedere, quando si tratta di RSI, dovete fare qualcosa, ma dovete anche farlo sapere alla gente.

Fare e far sapere alla gente

La communication RSE est devenue un enjeu hautement stratégique. Le Groupe Edelman a ainsi établi que 65% des Français La comunicazione della RSI è diventata una questione altamente strategica. Il gruppo Edelman ha stabilito che il 65% dei francesi consuma i prodotti di una marca secondo le proprie convinzioni. Lo stesso vale per l’employer brand: l’impegno sociale delle aziende è ormai un criterio di differenziazione per il reclutamento. Il 79% dei millennial fa della RSI un criterio importante nella loro ricerca di lavoro! Questo non significa che si debba comunicare in modo indiscriminato e perdere il contatto con la realtà delle azioni intraprese: niente è peggio delle dichiarazioni di intenti non seguite da azioni e dai sospetti di “green washing”.

Costruire un discorso di prove

Mettere il video al centro della vostra strategia di comunicazione CSR può essere diabolicamente efficace quando si tratta di costruire un discorso di prova. Il video, più di qualsiasi altro media, permette di mostrare la realtà delle azioni realizzate in loco. Filmando le sue iniziative ambientali o sociali, un’azienda aumenta anche la portata delle sue dichiarazioni. Sui social network e più in generale su internet, il video sta soppiantando sia il testo che l’immagine. Se state leggendo queste parole, congratulazioni! Secondo Nielsen Norman, lei è un caso emblematico: questa società di ricerca ha stabilito che gli utenti di Internet leggono solo il 20% di una pagina web di 593 parole. Allo stesso tempo, il “Global Internet Phenomena Report” fissa la quota di video nel traffico internet al 60%. Un’onda sulla quale le aziende che desiderano comunicare le loro iniziative di RSI farebbero bene a cavalcare.

Il video ha ucciso il rapporto CSR

Quando si tratta di comunicazione della RSI, l’uso del video permette di coinvolgere sia il pubblico interno che quello esterno. Come sappiamo, il video è il mezzo più efficace per trasmettere emozioni. Offre alle aziende l’opportunità di umanizzare la loro comunicazione facendo vivere la loro ragion d’essere e i loro impegni sociali. Prendi il rapporto CSR in formato pdf!

Per incarnare le loro iniziative di RSI, le aziende possono intervistare i dipendenti ma anche filmare le azioni attuate nei loro locali. Allo stesso modo, il video sta diventando uno strumento strategico per i dipendenti per diventare stakeholder nella comunicazione CSR dell’azienda. Possono prendere l’iniziativa di filmare le iniziative eco-responsabili, per esempio con i loro cellulari. Da quel momento in poi, la comunicazione della RSI non avviene più verticalmente ma diventa il risultato di uno sforzo collettivo in cui tutti contribuiscono.

Naturalmente, le aziende devono affrontare un controllo della realtà. Avere video prodotti esternamente ha un costo. E il bisogno di video non fa che crescere, guidato dall’evoluzione degli usi e dalla necessità di produrre contenuti sempre più segmentati. La quadratura del cerchio? Non necessariamente. Utilizzando una soluzione semplificata di editing online come JustEdit.Studio può migliorare la qualità dei video prodotti grazie a funzioni facili da usare (modelli, traduzioni e sottotitoli, trascrizioni, font e animazioni, risorse audiovisive royalty-free, ecc.) e aumentare il numero di video senza far saltare il budget.

E se l’internalizzazione della produzione video con il supporto attivo dei dipendenti, unita all’uso di una soluzione di editing online, fosse la formula magica per una comunicazione CSR efficace e di successo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *